Tutorial: Falso Calcedonio

Parto mostrandovi alcune delle mie prime creazioni in falso calcedonio. Un pendente in stile celtico con base decorata con polvere d'argento, un segnalibro (per me ^_^) con la luna crescente e il sole, e due perline che diventeranno un paio di orecchini!!!

Per ogni tutorial che si rispetti è necessario fare prima qualche premessa ed elencare il materiale occorrente...



PRIMA PREMESSA: semplicemente osservando questa pietra che mi piace molto, ho intuito più o meno quale potrebbe essere il procedimento per riprodurla, ma certamente ci sono delle pecche, che magari al momento non riesco a notare, sicuramente applicando e riapplicando la tecnica più volte, sia io che voi potremo perfezionarla, ed alla fine magari ognuna di noi avrà il suo personalissimo metodo per riprodurre il calcedonio. Non sono molto brava a descrivere dei procedimenti, ma cercherò di essere chiara, descrivendo quello che non si può intuire dalle foto!
Fin'ora, che io sappia, una tecnica per riprodurre il calcedonio, non è mai stata diffusa nel web probabilmente perché è un cristallo poco apprezzato e certamente meno noto rispetto a lapislazzuli, giada, agata e altri dei quali è più o meno semplice trovare dei tutorial. Per questi argomenti, per molte altre tecniche e riproduzione di pietre e altri materiali, non vi consiglierò alcun link questa volta, ma vi consiglio proprio un libro, che ovviamente ho e trovo che sia meraviglioso: Come realizzare perline in pasta modellabile, Carol Blackburn.






SECONDA PREMESSA: parlerò di "parti", dove per parte si intende un'unità di misura universale. Stabilite per voi quanto dovrà essere una parte: un centimetro quadrato, 20 grammi, ecc... In funzione a questa unità di misura stabilita a priori, procedete poi per le suddivisioni durante tutto il procedimento, e utilizzate una lama adatta per effettuare tutti i tagli regolari. Nella foto come potete vedere io ho tagliato dei pezzi lungo la lunghezza minore del panetto, della larghezza di un centimetro circa, queste sono le "parti" con cui ho lavorato io.





TERZA PREMESSA: per evitare di sprecare l'impasto che otterremo alla fine, evitate di inventarvi delle forme sul momento se non siete già brave nella creazione di bijoux, o se comunque non avete ben chiaro cosa fare, rischiereste di sprecare materiale. Procuratevi delle cose che volete rivestire in falso caldedonio o degli stampi in cui imprimere un pezzo di materiale per formare una sorta di cammeo, oppure fate delle semplicissime perline, da montare su collane, bracciali o orecchini.



MATERIALE OCCORRENTE
Cernit azzurro cielo n° 016
Cernit bianco opaco
Cernit traslucent
Cernit glamour argento n°123
Lama "liscia" e ondulata di Donna Kato
Stampi o oggetti da rivestire
Borotalco






Prendete una parte di azzurro cielo e tre parti di traslucent, mischiatele bene ma senza eccessiva precisione, lasciate che l'impasto sia poco miscelato come da foto.






Prendete mezza parte di bianco e mischiatelo con 1/20 di una parte di cernit argento, miscelate anche questi grossolanamente come da foto. Per dare un'effetto finale ovattato anche alle parti bianche potete usare, solo in questo passaggio, il bianco traslucido al posto di quello opaco.








Dividete il primo pezzo di pasta (azzurro+traslucent) in tre parti.Miscelate uno dei tre pezzi con mezza parte di azzurro cielo, ed uno con mezza parte di traslucent. Tagliate in due la parte bianco+argento e miscelate questo pezzo con il terzo rimasto del primo impasto. Ricordate sempre di miscelare in modo grossolano.




A questo punto avrete quattro porzioni.
Azzurro/traslucent+azzurro, azzurro/traslucent+traslucent, azzurro/traslucent+bianco/grigio e bianco/grigio











Sistemate questi impasti in blocchi più o meno squadrati e lasciate riposare per un'ora circa, in modo che la pasta non sia troppo morbida. Con la lama ondulata tagliate un pezzo di ognuno dei 4 impasti. Accostateli tra loro, compattateli e tagliateli ancora, in punti più o meno casuali, ma sempre in perpendicolare rispetto ai tagli precedenti. In totale tagliate, spostate i pezzi tagliati, e ricompattateli tra loro, tre o quattro volte.





A questo punto ricompattate bene e lisciate le superfici, cercate di ottenere un blocco più o meno regolare.
Fate riposare per far rassodare l'impasto, poi tagliate dei pezzi con una delle due lame. Con quella liscia per ottenere una fetta con miscuglio regolare, con quella ondulata per ottenere una fetta con una miscela più accentuata dei vari strati.
Se avete degli stampi, formate una sfera con un pezzo di impasto, mettete un pò di borotalco nella superficie, e pressate l'impasto nello stampo. Il borotalco fa in modo che il cernit non aderisca nello stampo.
Se invece avete delle cose da rivestire, passate le fette di materiale all'interno della macchina stendipasta UNA VOLTA SOLA e poi utilizzate queste sfoglie per rivestire quello che volete. Assicuratevi sempre di non creare bolle d'aria, utilizzate un pò di fimo o kato liquid per favorire il procedimento di rivestimento, e passate sulle superfici un rullo, in modo tale che eventuali bolle d'aria vengano eliminate.
Bhé.....buon lavoro ^^ spero che questo tutorial vi tornerà utile, e che chi lo userà lo linkerà nel suo blog quando posterà delle creazioni realizzate grazie a quanto ha appreso quì :)




P.S.: se qualcosa vi è poco chiaro ovviamente chiedete pure!!

9 commenti:

  1. Ma è un lavoro enorme! Però mi sembra molto ben riuscito e soprattutto spiegato bene. Grazie.

    RispondiElimina
  2. Grazie di questo bellissimo tutorial, è molto interessante! Anche io ho uno dei libri della blackburn e lo consiglio, è molto buono!

    RispondiElimina
  3. Wow bellissimo tutorial! (soprattutto perchè io adoro il calcedonio!) e la pietra ha un aspetto veramente realistico!!.
    Grazie mille per averlo condiviso con noi e complimentissimi per il lavorone!!.
    Buona settimana!!.

    RispondiElimina
  4. bellissimo questo tutorial, grazie Bohemiene

    RispondiElimina
  5. ahahahaha non c'ho capito niente ahhhahaha mi rispieghi tutto? XD

    RispondiElimina
  6. Se ti dicessi che non sapevo nemmeno cosa fosse il calcedonio??? Mi crederesti??? XD Bellissimo tutorial e bellissimo il calcedonio..grazie per questo tuto!!!

    RispondiElimina
  7. Rispondo a tutte ^^
    Innanzi tutto sono davvero contenta che vi piccia e spero di vedere presto i vostr lavor in falso calcedonio!!

    Daniela in effetti come procedimento è un pò lunghetto, ma considerando che a parte il bianco, i pantti occorrenti generalmente sono molto morbidi, si velocizza un pò il procedimento, insomma i vuole più a dirsi che a farsi ^^

    Batumari prego ^^ è un piacere! Verissimo i suoi libri sono favolosi, io ho imparao molto da quello che ho!

    Rory grazie grazie, non sapevo che anche u amassi questa pietra, io la adoro proprio, dovevo provarci prima o poi, e fa piacere condividere una cosa proprio nuova! E sono certa che magari voi stesse noterete qualche errorino e riuscirete a mettere in pratica il tutorial meglio di me!!!

    Grazie Anna, anche a te per i tuoi tutorial ^^

    Sara tanto a te non te ne frega mica di capirlo :P ahahahahahah SMUACK

    Dany come ho detto all'inizio de post purtroppo anche se è bellissima non è una pietra molto conosciuta! E sono contenta che tu l'abbia scoperta grazie a me ^^

    RispondiElimina
  8. Intanto... il tuo falso calcedonio è meraviglioso e somigliantissimo a quello vero (nel pendente è proprio bello bello), pooooi... il tutorial è un capolavoro come la pietra! Grazie infinite... probabilmente proverò a reinterpretarlo con la pasta di mais (son fissata, lo sai :D), perchè sarebbe perfetto per una base... se mi esce qualcosa di guardabile!

    un bacio grosso grosso

    RispondiElimina
  9. FALSARIA!!! :D :D :D

    No, era per dire che è davvero molto molto realistico! :P
    Gli oggetti che hai già realizzato sono bellissimi, in particolare il ciondolo celtico!

    Il tutorial è comprensibilissimo, sei stata brava sia con le foto che con le parole!
    ;)

    RispondiElimina

Benvenuti nel mio mondo di sogni fluttuanti, lasciate un segno del vostro passaggio